I 400 organi antichi conservati nelle chiese del territorio bolognese rappresentano un patrimonio unico al mondo la cui stratificazione storica ed eterogeneità stilistica sono un inestimabile fonte di studio e di fruizione sia artistica che spirituale.

Dopo le esperienze compiute con grande successo in altre città italiane, l'idea di diffondere la conoscenza di tale immenso patrimonio culturale, nacque nel 1988 da alcuni operatori culturali che affidarono la direzione artistica del progetto al maestro Andrea Macinanti, docente di organo al conservatorio di Bologna. La linfa vitale dell'iniziativa venne assicurata grazie ad un'intesa tra vari comuni del territorio della pianura e della montagna che da allora concorrono garantendo il sostegno economico come pure grazie alla cortese ospitalità offerta dai parroci delle parrocchie che custodiscono i preziosi strumenti.

Dopo due anni di attività e a seguito del successo ottenuto, gli ideatori della rassegna concertistica fondarono l'Associazione "Organi antichi: un patrimonio da ascoltare" alla cui esistenza hanno in seguito contribuito anche gli enti pubblici  e alcuni sponsor privati.

Durante questo periodo l'Associazione ha curato la realizzazione di 27 rassegne concertistiche organizzando circa seicento appuntamenti la cui tonica referenziale è da sempre la musica organistica ma che di fatto si è estesa a svariati aspetti della creatività musicale.

Grandi interpreti del panorama internazionale (Gustav Leohnhardt, Jean Guillou, Luigi Ferdinando Tagliavini, Kenneth Gilbert, Michel Chapuis, Michael Radulescu, Luis Uriol, Giancarlo Parodi, Ton Koopman...) hanno "toccato" i preziosi strumenti  richiamando intere comunità a riappropriarsi di un importante patrimonio culturale e riscuotendo uno straordinario successo.

Oltre alle manifestazioni concertistiche, l'Associazione ha curato pure il censimento del patrimonio organario custodito nel territorio della pianura grazie anche alla collaborazione del dott. Oscar Mischiati, provvedendo ad una accurata archiviazione fotografica.

A ciò si affianca inoltre la realizzazione di un video divulgativo ideato per le scuole medie e di vari CD dedicati alle sonorità degli strumenti più prestigiosi. Il successo e i consensi riscossi da "Organi Antichi" hanno varcato i confini territoriali e hanno posto la rassegna fra i più apprezzati eventi concertistici italiani e la cui fama è già ben nota nell'ambiente organistico internazionale.

I musicisti di 20 edizioni


Associazione Organi Antichi
Sede Amministrativa:
Via de' Carbonesi, 6- 40123 Bologna
Telefono:393 9732241
E-mail: segreteria@organiantichi.org
Direttore artistico: Andrea Macinanti